NDE Testimonianze di premorte

NDE Testimonianze di premorte

In NDE ESPERIENZE DI PREMORTE by Daniela Raguel

NDE TESTIMONIANZE DI PREMORTE

Alma, soffriva da nove anni di un grave attacco di depressione. Le fu somministrata una quantità abbondante di antidepressivi per cercare di curare la malattia mentale e quando ha iniziato di smettere con gli antidepressivi il suo corpo era già dipendente. L’astinenza da farmaci le ha procurato crisi epilettiche sempre più pericolose ed è stata ricoverata in ospedale. Credeva che ne sarebbe arrivata una grande e non sarebbe sopravvissuta.
Alma ha scritto per la Near Death Experience Research Foundation: “Ricordo l’imminente attacco epilettico, e mi sono preparata avvolgendo i polsi e le caviglie con delle lenzuola in modo che il mio corpo non si agitasse così tanto da spaventare gli altri. Andava bene per me morire. Ero stanca di essere così malata e sapevo che sarei morta. ” Ha poi affermato di aver sperimentato un “breve vuoto avvolta da un colore grigio argento, grigio molto chiaro”.

Alma ha detto che si trovava in un giardino rigoglioso e sapeva che non era sulla Terra.

Si è guardata intorno e ha detto di aver visto i propri cari che erano morti.

Alma continua: “Ho osservato la porta del cielo e lo stretto sentiero dorato e cesellato che vi conduceva. stato raccolta da un angelo che mi ha portato alla cascata.

C’era un enorme globo dell’occhio scintillante di Dio che aleggiava davanti a me.

“Questo enorme globo di luce, l’occhio scintillante di Dio, mi ha detto di ‘stare ferma’.

“Il luccichio ha poi riversato su di me una quantità indescrivibile della sua luce bianca simile a un diamante. La luce era tutta amore. Solo amore e amore puro. “

Dopo il suo presunto incontro con Dio, Alma disse che Lui decise che non era arrivato il suo momento di entrare in Paradiso, ma “mi mostrò per un minuto o due cosa c’era oltre la porta del Paradiso. Erano anime meravigliose, che parlavano di noi sulla Terra e di come aiutarci.

“All’improvviso, l’enorme sfera bianca dell’occhio scintillante di Dio si attenua e un’enorme sfera giallo-dorata esce dalla sua destra.

“Sento subito che è la luce di Gesù. Vengo immersa in questa luce giallo oro che mi inonda d’amore puro.
“Non posso parlare. Mi dice: “Ti amo”. I suoi raggi hanno toccato il mio corpo e ho pensato che in qualche modo sarei stato trasportata su quei raggi. “

Prima che se ne rendesse conto, Alma era tornata nel suo letto in ospedale dopo essere stata rianimata dai medici.

SECONDA TESTIMONIANZA 
All’inizio degli anni ’60, una bambina di nome Teresa, che all’epoca aveva solo tre anni, subì un’overdose accidentale di aspirina.

Dopo aver trovato una tazza di aspirina, Teresa li scambiò per dolci e ne consumò una quantità pericolosa. Gli occhi della bambina erano girati all’indietro e poi iniziarono le convulsioni, lasciando sua madre in preda al panico.
Ora, Teresa si è fatta avanti per raccontare la storia di come crede di poter vedere il futuro e vedere le sue vite precedenti quando era nell’aldilà.
“Il personale medico mi ha portato di corsa in una stanza dove hanno iniziato a cercare di rianimarmi. Mentre lavoravano su di me, ho lasciato il mio corpo e osservavo la scena dall’alto.

“Potevo vedere e sentire tutto, ma non sentivo il mio corpo fisico…Ricordo vividamente di aver guardato con curiosità e interesse.

“Mentre guardavo i dottori e le infermiere che lavoravano sul corpo fisico, ricordo anche di essere stata in grado di vedere cosa stava succedendo nella stanza accanto in cui avevano messo mia madre.

“Potevo sentire l’isteria e il turbamento di mia madre, come se le sue emozioni fossero le mie. Ricordo di essere stata sopraffatta da sentimenti di intenso amore per mia madre. “Avevo ricordi di una vita passata che avevo condiviso, prima di questa, che coinvolgeva sia mia madre che mia sorella.

“Ho anche sperimentato la conoscenza del futuro di mia madre attraverso due scenari separati: uno se avessi deciso di lasciare questa vita e uno se avessi deciso di restare.

“Il sapere mi è sembrato un dono che mi veniva fatto e anche se avevo una mentalità da bambino di tre anni, sono stata in grado di ricevere queste informazioni come se fossi una persona matura.

“Non riesco a raccontare quanto tempo sia passato, ma ricordo di aver preso la decisione di tornare. ( potevo scegliere di restare o tornare)
Appena ho formulato il pensiero di voler “tornare indietro” mi sono sentita tirare indietro nel corpo che stavo osservando sotto di me “.
A quel punto i medici sono riusciti a rianimare Teresa.

TERZA TESTIMONIANZA DI PREMORTE
Un ragazzo americano che è stato riportato in vita ed era a poche ore dalla donazione dei suoi organi miracolosamente è sopravvissuto e ha detto che c’è solo una spiegazione per la sua rianimazione: Dio.
Il giovane Trenton McKinley di Mobile, Alabama, Stati Uniti, ha avuto un incidente diversi mesi fa in cui un piccolo rimorchio si è ribaltato, cadendogli addosso e fratturandogli il cranio in diversi punti.

Il giovane McKinley racconta: “Il rimorchio mi ha colpito in cima alla testa. Dopodiché, non ricordo più niente “. ll tredicenne è morto per 15 minuti, secondo sua madre, e ai suoi genitori è stato detto che era cerebralmente morto e che non si sarebbe mai ripreso dall’incidente.
In effetti, i medici avrebbero dovuto interrompere il suo supporto vitale in pochi giorni.“Quando è tornato, hanno detto che non sarebbe mai più stato normale. Mi hanno detto che i problemi di ossidazione sarebbero stati così gravi per il suo cervello, che sarebbe stato un vegetale se ce l’avesse fatta “.

Il ragazzo ha lottato per respirare nei mesi successivi e, a malincuore, sua madre ha accettato di firmare i documenti per la donazione di organi con i medici che avrebbero disattivato il supporto della macchina vitale il giorno successivo a fine marzo.

La signora Reindl ha detto: “Cinque bambini avevano bisogno dei suoi organi . Non era giusto continuare a riportarlo indietro, a mantenere vivo il corpo tramite macchinari…perché stava solo danneggiando ancora di più i suoi organi.”
Tuttavia, all’ultimo momento, il ragazzo ha iniziato a mostrare segni di attività cerebrale e movimento, prima di ricominciare a respirare da solo.

Il tredicenne ha una lunga strada per la guarigione davanti a sé poiché soffre ancora di danni ai nervi e convulsioni quotidiane, ma crede di essere stato riportato indietro per un motivo.
Mentre era clinicamente morto, afferma di aver visto Dio in cielo, ed è per questo che è tornato qui, per testimoniarlo-
“Non c’è altra spiegazione se non Dio. Non c’è altro modo. Lo hanno detto anche i medici. “

QUARTA STUPENDA TESTIMONIANZA DI PREMORTE
Una persona che semplicemente dà il suo nome come Kit ha sofferto di una massiccia emorragia cerebrale che l’ha lasciata clinicamente morta prima che i medici la riportassero dal baratro a un coma farmacologico.

Tuttavia, Kit ricorda ancora la sua esperienza in modo così vivido, nonostante sia accaduta nel 2010 .
Mentre scivolava verso la morte, Kit dice che si sentiva come se fosse stata trasferita in un altro mondo.
“Mi sentivo benissimo. Non ho più avuto dolore. Non ero più preoccupata per i miei cari, perché mi sentivo come se fossi ancora con loro”

“Mi sono guardato intorno e ho visto che ero in un parco di tale bellezza che non avevo mai visto prima. L’erba era curata alla perfezione. C’era un grande albero, forse una quercia, con una forma perfetta.

“Il cielo era di un bel blu, ma in qualche modo era vivo. Tutto era perfetto, senza alcun decadimento o imperfezione.

“Ero in piedi su un sentiero che curvava davanti a me. Era di un bianco brillante eppure non mi ha ferito gli occhi. Sapevo che questo doveva essere il paradiso e sentivo l’amore e l’accettazione di Dio.
“Mi sentivo come se fossi trasportata, ma non riuscivo a vedere né sentire nulla. “Poi mio padre è apparso davanti a me. Era morto circa 10 anni prima. Qui sembrava così perfetto, sano e felice. Ero così felice di vederlo e volevo saltare tra le sue braccia.

“Sapevo che se avessi svoltato quell’angolo lungo il sentiero, avrei potuto restare con mio padre per sempre. Ma mio padre mi ha fermato e ha detto senza dire una parola fisicamente: ‘Devi tornare indietro. Non è ancora il tuo momento.

“Ero triste, ma gli ho obbedito. Ho capito che dovevo lasciare questo posto meraviglioso. Prima di partire, ho visto file di persone. Erano gay e etero, di colori diversi, di religioni diverse, alcuni erano portatori di handicap, alcuni molto giovani e alcuni vecchi.

“Queste persone si tenevano tutte per mano, mostrando amore e perdono l’una verso l’altra”.
Ma non appena ha lasciato l’aldilà, Kit dice che tutto il suo dolore è tornato ma questa esperienza l’ha cambiata per sempre.
Ha continuato: “Da quando sono guarita dall’intervento e dal coma, ho avuto alcune esperienze con la comunicazione dall’altra parte. Ora che so che gli spiriti sono lì, ho avuto comunicazione con mio padre.
“Ho visto spiriti che vogliono comunicare con gli altri tramite me. Il più delle volte, vogliono solo confortare chi ha perso una persona cara. Vogliono far loro sapere che sono in un altra dimensione e che sono vivi.

NDE Testimonianze di premorte NDE Testimonianze di premorte NDE Testimonianze di premorte NDE Testimonianze di premorte NDE Testimonianze di premorte NDE Testimonianze di premorte NDE Testimonianze di premorte

Condividi Articolo: