LA MIA GUIDA NELL'ALDILA'

LA MIA GUIDA NELL’ALDILA’

In NDE ESPERIENZE DI PREMORTE by Daniela Raguel

LA MIA GUIDA NELL’ALDILA’

Nel 1949 dovetti subire una grave operazione. Legata al lettino operatorio, mi venne applicata la maschera per l’anestetico. Contemporaneamente, a un cenno dell’anestesista, l’infermiera mi introdusse l’ago della siringa nell’avambraccio sinistro. Nello stesso istante, ancora in perfetta coscienza, pensai E’ terribile!”. Il mio pensiero era: E’ terribile abbandonarsi da sé stessi, in piena coscienza e vitalità, alla morte…!
Nel medesimo istante, forse con l’intervallo di pochi secondi, sentii una mano grande, forte e dolce prendere la mia mano destra… Fui costretta a muovermi e la mano mi conduceva. Intanto una voce d’uomo, grave e sommessa, imperativa e protettiva insieme, mi rispose: “No non è terribile, vieni, vieni, vieni…”.
Era una voce un po’ rauca e grave di un uomo maturo, ma così rassicurante e amica che io mi mossi con fiduciosa obbedienza. E quella mano mi portava, libera da ogni peso e legame terreno, in una ascesa meravigliosa la, in un buio riposante ed esaltante al tempo stesso, nel quale io mi ritrovavo, riconoscendo me stessa in una dimensione già nota, in un luogo che mi ri-accoglieva…
E mi alzavo condotta dalla mia Guida, come volando da sinistra a destra. Sapevo dove andavamo, sentivo che dovevo raggiungere qualcosa, un luogo, una grande luce, qualcuno o qualcosa di fatale, immenso, di esaltante che mi attendeva e mi conosceva già. Senza suono di voce, la mia guida mi comunicava ancora (e io capivo perfettamente): “Vedi com’è semplice? Non temere, ti è concesso questo, ma tu non dirlo a nessuno!” Poi con raddoppiata e dolce autorità mi trasmise: “Ma ricorda: ordine, ordine, ordine” e io intesi questa parola nel senso di rigore morale, stile di vita.
Mi risvegliai di colpo, come se una mano mi avesse lasciata andare. Mi ritrovai nel mio letto di clinica e mi sembrò che a svegliarmi fosse stato il battito immenso, ritmico e tumultuoso del mio cuore che mi parve ripetesse l’eco solenne e dolce dell’ultima parola della mia Guida “Ordine, ordine…”.
In quel primo risveglio fui piena di benessere e gratitudine, ma anche di infinita nostalgia: per chi? Per che cosa? Ero confusa eppure sveglissima, e a lungo rimasi legata a quel “sogno” che mi aveva invaso l‘anima e il pensiero come qualcosa di completo, di vero, di giusto che avevo ritrovato, di nuovo intravisto e rivissuto e ora di nuovo perduto.

SECONDA TESTIMONIANZA
Anni or sono, in seguito a una catena di dispiaceri, malattie, malintesi con i familiari eccetera, decisi di suicidarmi. Non condannate le disgraziate creature che arrivano a questa orribile scelta: chi non ha provato la sofferenza di quel momento e dei motivi che portano a questo, non può capire…. Cercai dunque di uccidermi, ma fui raccolta in tempo: anche se sembra così assurdo che ci fosse ancora tempo. Quando mi fui ripresa infatti il direttore del reparto, che mi aveva curata fin dall’inizio, mi disse: “Signora io ho fatto l’impossibile, ma non il miracolo. Lei era in condizioni disperate e non l’ho salvata io, non l’ho salvata io! Lei è stata rimandata indietro!… Seppi, dopo, che fui in coma profondo durato cinque giorni. Durante lo stato di coma l’essere umano passa attraverso 1000 esperienze che non sono sogni e neppure allucinazioni; è una vera seconda vita che ci trascina in un mondo simile al nostro, con storie fantastiche ma possibili. I sogni che facciamo sono spesso nebulosi e sconnessi, mentre ciò che ho visto e sentito io è di una chiarezza incredibile e anche a distanza di anni rammento ogni particolare di ciò che vidi e vissi. Non so quanto tempo fosse passato dal tragico gesto, ma ad un certo punto fui in grado di capire e di pensare. Mi risvegliai sapendo di aver fatto qualcosa ai danni di me stessa, non sapevo però se ero viva o morta, e non ricordavo né come né perché né quando. Affiorai in un mondo di silenzio.

Mi sentii di nuovo un corpo e una mente. Non so come, ma avevo la certezza di non sognare, ma di essere consapevolmente me stessa, con i miei pensieri, i miei sentimenti, le mie sensazioni, da cui però erano escluse le preoccupazioni della vita di ogni giorno.
Ho detto corpo, ma non è esatto: il corpo, l’ho intuito. Data l’essenza di qualsiasi dolore fisico, questo mio corpo era leggero, risanato, stavo insomma fisicamente bene; eppure quando dopo qualche giorno ripresi contatto con l’ambiente, quando cioè uscii dallo stato di coma, mi resi conto che in realtà questo corpo era martoriato da flebo, cannelli, catetere eccetera e molto dolente.
Gradatamente mi resi conto di essere in una stanza oscura che andò lentamente rischiarandosi, come se avessi fatto io l’abitudine alla penombra e potessi scorgere particolari inizialmente inesistenti. Seppi di trovarmi distesa sopra un marmo rosato gelido, e di essere coperta da una leggera coltre. Mi vedevo, ma non dal di sopra: dal punto stesso in cui mi trovavo vedevo me stessa dov’ero… Sapevo di avere un corpo perché l’ho indovinato, ma mi sentivo talmente bene che non ne avevo la sensazione. Quella che soffriva era la mente, per il turbinio di pensieri che mi agitavano.

Cercai di percepire qualche rumore, la presenza di qualcuno, ma ero sola, desolatamente sola. Aspettavo qualche cosa, qualsiasi cosa, pur di non rimanere ancora distesa, in uno stato di angoscia mentale che cresceva e cresceva.

Sapevo di essere in un ambiente ospedaliero, anche se la stanza in cui mi trovavo, una specie di cappella ampia e severa dal tono piuttosto sontuoso anche se spoglia, non assomigliava per niente a un ospedale.
A un certo punto mi resi conto che una luce abbagliante era stata accesa ai miei piedi, sulla destra, accanto al gran marmo. Era un bel lampione dorato a foggia di lanterna antica, e la sua luce bianchissima si proiettava su di me, pareva illuminare solo me e io parevo assorbirla…

Aspettai ancora in quella dimensione sconosciuta, e solo la luce del lampione mi dava un po’ di conforto. A un certo punto mi parve che nella luce ci fosse un volto maschile, giovane, pallido, un viso di luce, con occhi neri e severi ma amichevoli e pieni di comprensione. E questi occhi mi fissavano, mi fissavano. Io comunicai mentalmente con quell’essere, e lui mentalmente mi rispose. Fu una lunga conversazione, senza parole. Aiuto! Chiedevo, aiutami chiunque tu sia.

Stai calma, ferma e abbi fiducia, mi rispondeva il volto nella luce. Ma ho paura, dove mi trovo? Sono morta viva? “Zitta, zitta, calmati…”
Da qualche parte mi giungeva un rumore crescente di voci, molte voci che sembrava discutessero.

“Sapevo” che al piano di sopra c’era una stanza dal soffitto bianco, tipo convento: qui diverse figure ammantate di scuro stavano discutendo, di me certamente, lo sapevo. Erano figure senza volto, o con un cappuccio che copriva loro ogni fattezza, parevano dei frati. Io avvertivo le loro parole solo come un rumore e capivo con la mente il senso di ciò che veniva detto. Seppi che mi stavano processando, con l’accusa che avevo trasgredito e dovevo pagare. Io però non sapevo ancora se ero viva o morta, per cui non sapevo, e non so ancora oggi, se il giudizio sarebbe consistito nel rimandarmi sulla Terra o andare all’inferno.

C’erano alcune voci che mi difendevano, ma la maggior parte mi accusava e una voce era particolarmente cattiva e spietata: era una voce forte e profonda che chiedeva con violenza la mia condanna totale. All’improvviso ci fu un violento sbatter di porte, uno scalpiccio come di gente che s’affretti: le voci salivano di tono, specialmente una, la solita, più cattiva e imperiosa che mai. La scala a chiocciola che portava al piano di sopra scricchiolava  sotto il peso di una moltitudine di persone, figure oscure, vecchie, che si precipitarono su di me: io ebbi appena il tempo di gettare un’ultima supplichevole occhiata alla luce e ancora una volta seppi che dovevo e potevo sperare.

Infatti quando le figure stavano per ghermirmi, non poterono più avanzare: io sfuggii alle loro mani perché la luce le aveva fermate. Fu la luce ad assolvermi e a fermare loro, forse le illuminò sullo sbaglio che stavano facendo. In realtà la luce mi aveva assolto fin dall’inizio: infatti, pur giudicandomi severamente, aveva sempre continuato ad inviarmi pensieri di speranza. Non fu però una vera assoluzione, il giudizio negativo era stato pronunciato, e io avevo dovuto sorbire fino in fondo quella paura e quell’amarezza.
Le figure ammantate dunque si fermarono, retrocessero, e io seppi che venivo assolta. Certo mi rimandarono tra i vivi. Era quello il giudizio che temevo? O forse avevo paura di salvare l’anima mia visto che togliersi la vita è peccato mortale? Mi sono posta tante volte questo interrogativo, ma non sono mai riuscita a darmi una risposta… So solo che grazie alla mia Guida sono ritornata e ora ho una seconda possibilità”.

LA MIA GUIDA NELL’ALDILA’ LA MIA GUIDA NELL’ALDILA’ LA MIA GUIDA NELL’ALDILA’