Gli Angeli

IO, PAZZA DI GESU’ i vostri racconti

In I VOSTRI RACCONTI CON GLI ANGELI by Daniela A.R.7 Comments

IO, PAZZA DI GESU’ i vostri racconti

Ho cominciato a fare uso di droghe  all’età 12 anni con le canne,
a 20 anni ho iniziato ad usare ecstasy, cocaina, LSD, alcool…

dopo 6 anni di vita in quello stato il mio cervello è esploso,
mi ero bruciata le cellule del cervello fino a soffrire di “delirio di onnipotenza” e “disturbo bipolare”.

A 26 anni il primo ricovero nel reparto psichiatria,
e da quel momento ho iniziato una terapia che prevedeva un’infinità di psicofarmaci:
stabilizzatori dell’umore, antipsicotici, ansiolitici, antidepressivi ed ipnotici.

In pratica ingerivo circa 20 pillole al giorno, dovevo poi stare attenta alle fasi cicliche del bipolarismo
che mi portava variazioni estreme dell’umore, da profonde crisi depressive a picchi di massima euforia,
in questo percorso difficilissimo ero seguita dal mio psichiatra.

A 30 anni ho iniziato a far uso di eroina per endovena senza smettere mai le psicoterapie e l’uso di altre droghe.
In quel periodo ho iniziato anche il percorso presso il SERT, e dopo 4 anni, oltre agli psicofarmaci, ho dovuto cominciare la terapia con
metadone (sostituto sintetico dell’eroina) e alcover (sciroppo per curare l’alcolismo).

A soli 29 anni il mio psichiatra mi ha fatto avere la pensione di invalidità, in quanto non ero nella condizione psico-fisica per poter vivere una vita normale;
ricordo le sue parole quando mi disse che avrei dovuto convivere con la mia malattia per tutta la vita, la mia condizione era divenuta cronica!

Non ricordo quante sono state le volte in  cui ho tentato il suicidio,
quante volte ho rischiato l’overdose e la morte, perché come se non bastasse, io abusavo degli psicofarmaci prescritti, miscelandoli in dosi massicce al fine di provocarmi gli effetti stupefacenti che volevo, ed in questo ero diventata un’esperta.

Poi venne il periodo della Comunità Terapeutica per guarire le tossicodipendenze, il tutto durò 6 mesi, ed una volta uscita di là, ripresi ad assumere ogni tipo di farmaco e droga.

In questi 16 anni di malessere profondo ho sofferto anche d’insonnia, avevo paura di dormire perché ero preda di incubi terribili, la mia media era di un paio d’ore di sonno al giorno.

Arriviamo a 4 anni fa, quando all’età di 40 anni, mia sorella ha voluto farmi partecipare ad una preghiera di liberazione da un Pastore. La stessa sera mi ero separata da mio marito, rimanendo così sola povera e pazza, avevo già perso entrambi i miei genitorie non avevo figli.
Ricordo che nel mio stato nemmeno sapevo cosa fosse un Pastore,
ma la mattina successiva a quella strana preghiera, era il Venerdì Santo di Pasqua, io come d’incanto non ho avvertito più alcun bisogno di prendere NULLA, nemmeno il metadone, qualsiasi voglia di drogarmi era sparita!…

Tutta la sofferenza ed il buio che avevo dentro di me, all’improvviso si erano trasformati in un benessere mai provato in vita mia.
Ricordo che riportai intatto il mio flacone settimanale di metadone al SERT, poi presi tutti gli psicofarmaci che avevo
e li gettai via.

Da un giorno all’altro , mi ritrovavo con il cuore  pieno di gioia,di benessere, voglia di vivere e luce…tanta luce.
Il sole mi appariva più luminoso che mai, e la sua luce mi faceva lacrimare gli occhi (quando si dice “tenebre
dell’anima”).

Trascorso un anno tornai con mio marito, annullammo la separazione e vivemmo un matrimonio totalmente nuovo,
pieno d’amore ,pace e comprensione reciproca.

Da allora, sono passati 4 anni, durante i quali non ho mai smesso, nemmeno per un solo giorno, di pregare e ringraziare Gesù per la mia miracolosa guarigione.
Oggi cerco di essere Cristiana, il mio cuore non ha più rabbia, odio, tristezza, nervoso, ansia, depressione e cattiveria…..
insomma tutto il male si è totalmente trasformato in bene.
Ho anche fatto un grande “lavoro interiore” per liberarmi da tutti i sentimenti negativi che distrugg
evano la mia persona.

Chi mi conosce oggi , non crede quan to racconto su di me, di come ho vissuto nel passato, loro mi conoscono come una persona sincera, serena, speciale (sono gli altri a definirmi così).

Sento sempre l’esigenza di raccontare la mia esperienza come forma di testimonianza della potenza Divina!
Tutto quanto ho provato in passato sulla mia pelle non è una mia invenzione, è una verità comprovata da tanto di certificati medici.

Allora capisco quanto Dio è vivo, quanto Gesù sia presente nella mia vita, io Lo vedo e sento al mio fianco la Sua presenza spirituale.
Gesù realizza ogni mia preghiera, io mi sento in comunione con LUI e tutto ciò mi riempie il cuore di gioia, benessere, amore e buonumore…

Un particolare mi viene in mente, cioè quando la dottoressa del SERT, dove ero in cura, dopo la mia guarigione, mi fece un prelievo del sangue, ricordo la sua faccia sbalordita ed incredula,
quando leggendo i risultati, mi disse che avevo un eccesso di dopamina nel sangue.

Io, non sapendo cosa significasse tale diagnosi mi preoccupai, credevo di avere contratto chissà quale grave malattia.
Poi compresi come , in realtà, la dopamina fosse la sostanza prodotta dal cervello che  genera in noi il buonumore.
I medici del SERT inoltre, rimasero sbalorditi di come avessi potuto sospendere di colpo il metadone senza riportare alcun effetto collaterale, fisico o psicologico che fosse.

Il mio psichiatra, che mi ha avuto in cura per ben 16 anni, è una persona profondamente Cristiana,
e quando gli ho raccontato il miracolo che avevo ricevuto non si è stupito dell’accaduto, mi ha solo comunicato la sua estrema gioia nel vedermi guarita.

Ancora oggi siamo rimasti ottimi amici , e mai dimenticherò l’aiuto ed il bene che mi ha fatto durante gli anni del mio calvario.

DIO esiste davvero! Se solo imparassimo a credere, ad usare la FEDE, tutti riceveremmo dei miracoli,
perché DIO agisce solo per mezzo della Fede.

Gli uomini spesso non hanno Fede, e anche chi proclama di averne non conosce la potenza Divina della vera Fede, perché “usare” la Fede significa credere veramente fino in fondo al nostro cuore.

Quella sera Io ho solo creduto nella preghiera, volevo crederci,
la mia forza era data dalla disperazione di chi aveva toccato il fondo.

Ora dedico questa mia vita ad aiutare gli altri, cerco di insegnare quanto potere abbia la Fede se usata a fin di bene,
cerco per quanto possibile di essere un esempio di Fede Cristiana per gli altri.

Io vivo ogni giorno il miracolo della mia vita, e vorrei con tutto il cuore che tutti potessero vivere e capire questo DIO,
un DIO che viene a noi quando noi ci muoviamo verso di Lui, un DIO che agisce per noi se noi agiamo nella fede,
un DIO che benedice ogni nostra azione, anche la più piccola o semplice, se fatta secondo la Sua Parola.

La cosa più importante che ho compreso
è che DIO si “mostra” a noi solo crediamo veramente, e nel profondo, in LUI.

Avere Fede non è facile, anzi comporta un grande impegno spirituale.

La vera Fede significa credere in qualcosa che il nostro sguardo superficiale non può vedere,
i nostri sensi materiali non possono percepire, e nonostante ciò buttarsi con tutti noi stessi in questa “follìa” d’Amore totale,
e se cosi faremo ci troveremo tutti a vivere appieno una vita bellissima, ricolma di pace ed Amore da dare e ricevere!!!

Per tanti anni sono stata anni giudicata, emarginata e considerata pazza, figuriamoci se oggi mi faccio problemi nel sentirmi
ancora considerata pazza,
ma essere Pazza di GESU’ mi sta benissimo,
visti i risultati positivissimi nella mia vita…

Un abbraccio a tutti.

Daniela Bozzari

✎ Se ti piace questa pagina condividila ♥ Grazie ♥

Comments

  1. Cara Carmen,
    Dio é dentro di noi, intorno a noi, nel profumo di un fiore, nel calore del sole, nell’ombra di un albero, tutto ciò che è intorno a te e dentro te parla di Lui.
    Apri il tuo cuore all’Amore, ma prima perdona te stessa e gli altri e torna a vivere …….
    Per questo chiedi al tuo Angelo Custode di aiutarti in questo cammino, Lui è li per te, desidera soltanto il tuo permesso per entrare nella tua vita, chiamalo, Lui il tuo Angelo è un raggio d’Amore dell’Amore di Dio.
    Gli Angeli sono qui per aiutarci, io ho avuto dal Buon Dio il dono di vederli e sentirli e ti garantisco che sono puro Amore.
    Buon Anno e buona vita.

  2. Spessissimo sento parlare di fede dopo un evento che ha colpito l’interessato/a ma uno la fede dovrebbe viverla a prescindere dal fatto che Dio faccia qualcosa per noi o meno .Bisogna avere fede perché è giusto in se averla , come bisogna fare del bene perché è giusto non perché così si va in paradiso Io penso che se Dio è realmente intervenuto su questa donna è solo perché a visto che voleva amare se stessa FINALMENTE è quindi anche gli altri.

  3. Che grande fortuna! Io sono nata e cresciuta in una bellissima famiglia unita che mi ha trasmesso dei valori cristiani, pur non essendo i miei genitori cattolici praticanti. Ma dai dodici anni in poi ho cominciato a soffrire di crisi di panico e depressive. Ho dovuto interrompere la scuola superiore senza riuscire a prendere il diploma, anche se andavo bene a scuola,per via del panico e della difficoltà di essere assidua alle lezioni. A venti anni ho avuto una fortissima conversione al cattolicesimo tanto che volevo diventare suora. Ma ero insicura e avevo troppa paura del mondo per decidermi. Così a 24 anni uno zio mi presentò un ragazzo di famiglia benestante (i miei erano anziani e non avevano una casa di proprietà)e accettai la proposta di fidanzamento. Ci sposammo quattro anni dopo, ebbi anche fortuna a trovare un ottimo impiego, ebbi due meravigliosi bambini, ma, benché pregassi, non mi sentivo mai soddisfatta né felice. Purtroppo cominciai a soffrire di stati di mania e a tradire mio marito. Mi separari da mio marito nel 2001 e nel frattempo avevo avuto la diagnosi psichiatrica di “disturbo bipolare”. Cominciai ad assumere dei farmaci che all’inizio sembrarono farmi bene, tanto che mio marito ed io tentammo ancora di ritornare insieme per quasi un anno. Ma non funzionò, purtoppo.
    Nel 2006 divorziai da mio marito e persi l’affidamento dei figli, perché non me la sentivo di trascinare i miei figli a vivere con me in un’altra casa e in quella che per me era una situazione di “fuga” dal matrimonio. Ho sofferto molto perché nonostante tutto amavo moltissimo i miei figli (e ancora li amo).
    Nel frattempo la mia vita continuò ad andare avanti fra alti e bassi, periodi in cui riprendevo a credere e a pregare, altri in cui abbandonavo tutto e i deliri di grandezza del disturbo bipolare mi portavano a gettarmi nelle situazioni più ambigue e pericolose. Nel 2007 conobbi un uomo e credetti di innamorarmi, perché aveva diverse cose in comune con me. Nel 2008 ci sposammo e andammo a vivere in una casa in aperta campagna, in un luogo panoramico e bellissimo e non tanto lontano dalla città. Mio marito però spesso mi maltrattava, essendo a sua volta una persona bipolare e borderline.
    Spesso beveva un po’ troppo, e poi fumava tantissimo, pretendeva sempre di essere obbedito a bacchetta e mi criticava aspramente. Abbiamo avuto dei litigi quasi devastanti. Sono stata ricoverata due volte in clinica psichiatrica e ho ottenuto la pensione anticipata dal mio impiego. A novembre scorso, dopo un furibondo litigio, anche se triste e addolorata di dover fare questo passo, ho deciso di lasciarlo. Adesso abito sola in un monolocale sottoscala e sto tappata in casa quasi come sepolta viva. Le uniche mie distrazioni, leggere, navigare in internet e guardare la tv. A volte trascorro intere giornate a dormire, per non pensare. Ogni tanto sono ritornata in Chiesa a pregare e ho provato a riprendere la vita di fede, ma non riesco più a credere a Gesù come una persona realmente esistita. So per esperienza che Dio esiste e solo per questo motivo non sono mai riuscita a portare a termine i miei piani di suicidio. Ma come devo fare se non riesco più a credere?

  4. credo in Gesu’….ma non nella religione cattolica….ne’ nelle altre….Non confondiamo il sacro col profano……Con la nostra mente sincera possiamo arrivare a Gesu’ e agli angeli, ai fratelli del cosmo senza infliggere allo Spirito creativo altre umiliazioni….

    1. nemmeno io credo a nessuna religione,ne cattolica ne evangelica o altro…io credo solo al potere del nome di Gesù e alla mia fede e comunine che ho con DIO…anche perchè lo vedo materializzarsi ogni giorno nella mia vita attraverso le preghiere….ma non vado in nessuna chiesa perchè appena mette bocca un’uomo (o prete o pastore che sia) subentra una dottrina invetata da lui, che sporca la fede pura e sincera della gente,l’unica dottrina che io seguo è quella di GESU…poi siamo tutti uomini uguali e ognuno ha il suo personale rapporto con la propria fede e con DIO o con quello in cui crede

      1. Ciao!! Che bella testimonianza!!!!
        Anche per me Gesu’ e’ una priorita’, ci sono stati eventi nella mia vita che mi hanno confermato la sua presenza ed il suo aiuto!! GESU’ e’ amore!!
        Io, sono cattolica, per me, andare alla S.Messa la domenica e’ diventato vitale..
        …mi da forza, serenita’, mi libera….ricevere l’Eucarestia, e’ ricevere Gesu’! L’ha istituita lui!….e pensa che gioia sentire il suo abbraccio in quel momento….e’ indescrivibile se fatto con fede!!!……comunque ti capisco…. un passo alla volta e con la sua grazia si arriva dove vuole lui!!
        Ti auguro un mondo di bene
        il Signore ti benedica!!
        Un abbraccio
        Daniela

  5. Io sono Cristina e da quando sono andata a Megiugorie la mia vita interiore è cambiata, stiamo facendo uncammino di conversione assieme a mio marito(è difficile) , ma le nostre vite stanno cambiando e ringrazio Dio che per intercessione della Mamma Celeste ci sta guidando. Credo in questa esperienza perché nulla è impossibile a Dio. Grazie

Leave a Comment