sito ufficiale Angeli Custodi

[hide]

Gli Angeli Custodi, ANGELI E ANGELO CUSTODE

Gli Angeli e l’Angelo Custode

Gli Angeli non sono esistiti da sempre, ma furono creati da Dio, forse prima del mondo materiale e dell’uomo, essi sono dotati di libero arbitrio-ed è appunto in virtù di questo che una parte di loro cadde nel peccato di superbia di orgoglio e di invidia, divenendo angeli decaduti, demoni incapaci di amare Dio e l’uomo, la sua creazione. Ogni uomo, sia esso cristiano o non cristiano, dice ancora San Tommaso, ha un Angelo custode che non lo abbandona mai, neppure se è un grandissimo peccatore. Gli Angeli e l’Angelo custode non impediscono che l’uomo faccia uso della sua libertà anche per compiere il male, tuttavia operano su di lui illuminandolo e ispirandogli buoni sentimenti.

Gli uomini possono parlare agli Angeli a all’Angelo Custode, i quali però non conoscono i segreti del loro cuore (noti soltanto a Dio), illuminandoli così sulle loro necessità, le loro aspirazioni, i loro desideri. Queste, sintetizzate e semplificate al massimo, le dottrine sugli Angeli del Dottore Angelico.

Se rivolgiamo il pensiero all’Angelo custode, lo immaginiamo in genere accanto ai bambini-ed è appunto di una bambina che ho avuto una particolare e insolita testimonianza. Gli Angeli operano incessantemente per Dio e saranno presenti alla sua seconda venuta.

Nella tradizione islamica, al momento della nascita a ognuno di noi vengono assegnati due Angeli: uno registra le buone azioni della persona, l’altro prende nota di quelle cattive. Fortunatamente, le cattive azioni non vengono registrati fino a che la persona non si addormenta, per cui questa ha qualche ora di tempo per pentirsi. In questo caso, sul registro risulterà che Dio l’ha perdona

 Gli Angeli hanno il compito di vegliare sui buoni e sugli innocenti. I primi padri cristiani insegnavano che alla nascita a ognuno di noi viene assegnato un Angelo custode. L’Angelo svolge questo compito non soltanto per obbligo nei confronti di Dio, ma anche per amore nei confronti della persona che gli è stata assegnata. L’Angelo custode lavora per il suo protetto finché la sua anima non viene condotta in cielo, e se necessario gli renderà visita in purgatorio.

Gesù manifestò la sua fede negli angeli (Matteo 26,53; Giovanni 1,51) e furia e si è aiutato nei momenti di crisi. In Matteo 4,11, gli angeli scesero dal cielo e lo accostarono e lo servirono dopo le tentazioni di Satana. Sul Monte degli ulivi, Gesù s’inginocchiò e pregava:
“Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia, non si è fatta la mia, ma la tua volontà”. Gli apparve allora un Angelo del cielo a confortarlo.

[/hide]