Miracoli di Padre Pio

Miracoli di Padre Pio

In I VOSTRI RACCONTI CON GLI ANGELI, Spiritualità by Daniela Raguel

Eventi miracolosi del frate di Pietrelcina

GUARITO IN UN SOGNO

Dopo dieci anni di sofferenza, nel dicembre 1983, ho iniziato la novena a Padre Pio. A febbraio le mie condizioni sono peggiorate. Le mie caviglie si sono gonfiate e il dolore era insopportabile. Il 10 febbraio sono guarito in un sogno. Ero in una bella cappella e Padre Pio venne da me. Mi ha detto di sedermi e poi ha toccato le mie caviglie gonfie. Mi ha toccato la schiena e poi ha detto: “Alzati e cammina. sei guarito”. Mi sono svegliato immediatamente dal mio letto e ho camminato senza un solo dolore nel mio corpo. Quella mattina ho assistito alla Messa per ringraziare nostro Signore. Il dolore è tornato, ma solo per un momento perché presto quella che sembrava una mano calda ha toccato la mia schiena e ha portato via il mio dolore. Non ho mai più conosciuto quel dolore. Era di certo uno trai miracoli di Padre pio.
– Gregorio William Collins

CONSOLAZIONE PER INTERCESSIONE DI PADRE PIO

Ho perso il mio unico figlio molto tragicamente l’anno scorso. Ero molto preoccupato se mio figlio fosse felice nella sua nuova dimora. Ho pregato fedelmente e quotidianamente Padre Pio per qualche segno da parte di mio figlio. Una notte mio figlio venne da me in sogno e mi disse che Dio era molto giusto e che lui, mio ​​figlio, era più felice di quanto non fosse mai stato sulla terra. Sento che questo era più di un sogno.
– M. Feeney

GUARIRE DAL CANCRO

Ci è stato chiesto di pregare una novena a Padre Pio per un ragazzo di 13 anni che stava morendo di cancro maligno progressivo al basso ventre. Il bambino malato, Michael Andrews, aveva un tumore delle dimensioni di una palla da baseball sul bacino sinistro e poteva essere chiaramente visto e sentito come un grande gonfiore. Una notte, la madre di Michael lo sentì gridare e urlare per il dolore. Si precipitò nella sua stanza ma quando arrivò lo trovò profondamente addormentato. Era disorientata. Qualcosa le fece guardare dietro la foto di Padre Pio nella sua camera da letto. Tutte le aree bianche dell’immagine brillavano nell’oscurità. Per assicurarsi che non entrasse un po’ di luce, chiuse tutte le porte. Tuttavia, l’immagine di Padre Pio continuava a brillare. Fece scorrere le dita sulle aree luminose. Erano abbastanza reali. Dopo un po’ la visitazione svanì e tutto cadde nell’oscurità. La mattina dopo Michael scoprì che il grosso tumore così prominente nel suo basso addome era scomparso. Quando è stato riportato in ospedale, il dottore non è riuscito a trovare nulla.
– Il signor Shaw

UNA NUOVA PERSONA

Un mio caro amico ha compiuto una completa trasformazione per intercessione di Padre Pio. Mi disse che, nonostante gli amici e il denaro, nessuno l’aveva mai resa veramente felice. Ha cercato di sanare il vuoto della sua vita con l’uso pesante di droghe e alcol. Le relazioni fallite e tutte le trappole di una vita veloce le hanno portato nient’altro che solitudine. Ha tentato di togliersi la vita. Una volta, quando era molto drogata, è saltata da una finestra e si è rotta gravemente una gamba. Un giorno mentre la stavo accompagnando all’ambulatorio del dottore, notò per la prima volta il rosario di Padre Pio appeso allo specchietto retrovisore della mia auto. Lei me lo ha chiesto e l’ha tenuto, dicendo che era carino, così le ho parlato di Padre Pio. Con grande interesse ha tenuto il rosario così le ho detto di tenerlo e di pregare. L’accettazione del rosario fu l’inizio della sua guarigione. Ha smesso di alcol e droghe ed è diventata una comunicatrice quotidiana e un’insegnante di catechismo ogni domenica nella sua parrocchia. Per qualcuno che non andava in chiesa da venticinque anni, questo è stato un grande salto per amore di Dio. La guardiamo ora e ci sentiamo come se stessimo guardando una nuova persona.
– Lupe Abad

MEDAGLIA DI PADRE PIO

Mio fratello maggiore, padre di due bellissime gemelle, era stato per anni un forte bevitore e tossicodipendente. Non ha visto la sua famiglia né i suoi figli verso la fine della sua dipendenza, infatti viveva in una tenda con dei senzatetto a pochi chilometri dalla casa dei miei genitori. Ho pregato e pregato affinché mio fratello potesse trovare la sua strada e avere una bella vita. Cercherei di parlare di Dio e di Nostra Signora e di dargli dei biglietti di preghiera a Padre Pio, tutto inutilmente. Tuttavia, le mie preghiere sono state esaudite e alcuni mesi fa mio fratello è stato salvato dal suo inferno sulla terra. È entrato in una clinica di riabilitazione per droghe e alcol ed è entrato a far parte di un gruppo di sostegno per le sue dipendenze. Ora ha un nuovo lavoro e vive con i miei genitori. Vede le sue bellissime figlie ogni settimana. Proprio l’altro giorno ho guardato la sua giacca e ho visto che la medaglia del nostro amato Padre Pio era attaccata alla cerniera. So che Padre Pio lo ha aiutato e gli sta dando forza.
– Bridget Walsh

PADRE PIO DISSE: “NON OFFENDERE MAI PIÙ IL SIGNORE”.

Nel gennaio del 1961 Nando Umile fece un viaggio a San Giovanni Rotondo e poté confessarsi a Padre Pio. In quel periodo le confessioni si tenevano in quella che comunemente veniva chiamata la “sagrestia vecchia” della chiesa di Nostra Signora delle Grazie. Uno dei cappuccini era sempre presente per mostrare ai pellegrini le corrette procedure e per mantenere l’ordine. Permise agli uomini di entrare nella sacrestia scarsamente illuminata, dieci alla volta. Si sedettero insieme su una panchina mentre aspettavano il loro turno. La sacrestia era divisa a metà da una tenda e Padre Pio ascoltava le confessioni da dietro la tenda mentre il penitente gli si inginocchiava accanto. Quando Nando entrò nel confessionale, Padre Pio gli chiese con voce calma e seria quanto tempo fosse passato dalla sua ultima confessione. Dopo che Nando ha risposto, Padre Pio gli ha chiesto di confessare i suoi peccati. Al termine della sua confessione accadde qualcosa di veramente sorprendente. Nelle stesse parole di Nando: “Avevo appena finito la mia confessione quando una luce splendente discese a raggi su Padre Pio. Questa luce era strana in quanto illuminava solo il corpo di Padre Pio senza diffondersi nemmeno un centimetro oltre di lui. Tutto il resto della sacrestia rimase in penombra. La luce che circondava Padre Pio durò circa 30 secondi. Mentre fissavo Padre Pio, mi resi conto che aveva avuto una visione”. Nando osservò che durante quei momenti sacri, il volto di Padre Pio era diventato improvvisamente rosso vivo. Quando la luce svanì, Padre Pio sembrò spaventato e, come svegliandosi da un sogno, disse a Nando: “Chi sei e da dove vieni?” Nando rispose che viveva a Roma. Padre Pio disse poi con voce gentile: “Vieni da Roma. Ebbene, lascia che ti consigli di non offendere mai più il Signore”. Con ciò, diede a Nando un’ultima benedizione e disse le parole d’addio: “Ora vai in pace”.

PADRE PIO DISSE: “VAI A CASA SUBITO!”

Paulette Bertels di Anversa, in Belgio, poté fare un viaggio a San Giovanni Rotondo nel 1965. Doveva tornare ad Anversa entro il 25 dicembre perché doveva dirigere il Coro della Cattedrale alla Messa di Natale di quell’anno. Non voleva lasciare San Giovanni Rotondo finché non fosse stato assolutamente necessario perché ogni momento vicino a Padre Pio le era prezioso. Il 22 dicembre, con grande sorpresa di Paulette, Padre Pio le disse: “Vai a casa!” Lei protestò dicendo: “Ma Padre volevo restare qui il più a lungo possibile. Ho ancora tempo per stare qui ancora un po’ prima di tornare in Belgio”. Lui rispose: “Vai a casa subito!” Non c’era niente da fare per Paulette se non obbedirgli. Paulette prese un taxi per Foggia e quando arrivò alla stazione ferroviaria il capostazione le chiese dove stesse andando. “Vado a Milano mentre torno a casa in Belgio”, ha detto. Lui le rispose e disse: “Sei molto fortunato. Questo è l’ultimo treno che partirà per Milano prima dello sciopero delle ferrovie”. Se non fosse stata su quel treno, non sarebbe tornata a casa in tempo per la messa di Natale. Chissà come se la sarebbe cavata il coro senza il loro direttore. Paulette si ricordò poi di quanto fosse stato insistente Padre Pio quando le aveva detto di tornare a casa e lei le fu molto grata.

I GEMELLI MIRACOLOSI

Mia figlia aspettava il suo primo bambino e fin dall’inizio le cose sono andate male. Dopo qualche tempo, i test hanno rivelato che aveva due gemelli, ma c’era solo un battito cardiaco. I medici non pensavano che i bambini sarebbero sopravvissuti. Hanno anche detto che i bambini potrebbero dover essere presi prematuramente. Ho scritto una lettera a Padre Pio e mi ha detto che avrebbe pregato per mia figlia. I bambini sono nati entrambi vivi e sani. I suoi medici li chiamavano i “gemelli miracolosi”.
– Winifred Robison

MIRACOLI DI PADRE PIO CON FRATE CRISTOFORO

Fratel Cristoforo cappuccino OFM, fu uno dei figli spirituali di Padre Pio. In un’occasione, quando il fratello Christopher fu ricoverato come paziente al Sydney Hospital in Australia, ebbe l’opportunità di assistere a una guarigione miracolosa per intercessione di Padre Pio. Lì al Sydney Hospital, un giovane di circa vent’anni occupava un letto nello stesso reparto in cui si trovava il fratello Christopher. Il giovane aveva un buon lavoro come impiegato presso la sede della Peter’s Ice Cream Factory a Redfern, Sidney . Il fratello Christopher venne a sapere di essere stato in ospedale per un bel po’ di tempo. Le condizioni del giovane hanno disorientato il personale medico. La sua temperatura salì a livelli anormali, tanto che le infermiere dovettero impacchettare il suo corpo nel ghiaccio per abbassare la febbre. Non riusciva a trattenere il cibo. Le condizioni del giovane sono peggiorate rapidamente dopo i primi dieci giorni in ospedale del fratello Christopher.

Una notte, intorno a mezzanotte, la famiglia e la fidanzata del giovane sono state convocate in ospedale perché la sua fine era vicina. Poiché era cattolico, fu chiamato il cappellano cattolico della cattedrale di St. Mary, padre Edmund Campion. Dopo aver visitato il giovane, padre Campion si avvicinò al capezzale del fratello Cristoforo e gli disse: “Per favore, prega per questo giovane che è nel tuo rione. Ci lascia stasera. Non dovrebbe durare fino al mattino”. Il fratello Christopher promise a padre Campion che l’avrebbe fatto.

Dopo che padre Campion se ne fu andato, frate Cristoforo si ricordò di avere con sé un quadro di Padre Pio che aveva ricevuto da San Giovanni Rotondo. Aveva letto molti resoconti di miracoli avvenuti quando il quadro di Padre Pio era stato posto sotto il cuscino di un malato. Diede la foto alla famiglia del giovane e raccontò loro la vita santa di Padre Pio. Ringraziarono il fratello Christopher e dissero che avrebbero messo l’immagine sotto il suo cuscino.

Alle sette del mattino successivo, i volti di infermieri e dottori furono sbalorditi quando videro che il giovane sembrava essere forte e in salute. Riuscì a stare seduto nel suo letto e mangiò tutto il cibo sul suo vassoio. Poi si alzò dal letto, si avvicinò al fratello Christopher e gli parlò per la prima volta. “Voglio ringraziarvi per la foto di Padre Pio”, ha detto. “Sono sicuro che mi ha salvato la vita.” Il giovane è stato dimesso dall’ospedale alcuni giorni dopo, completamente guarito. Prima di partire, lui e la sua ragazza sono andati al capezzale del fratello Christopher per ringraziarlo ancora una volta. Hanno promesso che sarebbero tornati presto in ospedale per fargli visita. Ma prima che potessero farlo, anche il fratello Christopher fu dimesso dall’ospedale.

SALVATO DA UN GRAVE INCIDENTE

Ringrazio Padre Pio per avermi riportato alla fede, dopo averlo saputo a metà degli anni ’70. Mi ha permesso di credere a ciò che prima non potevo credere. Pensavo che la Bibbia e tutte le storie dei santi cattolici fossero solo fiabe. Ma dopo aver guardato alla vita di Padre Pio, non potevo più sostenere quella visione. Recentemente stavo falciando il mio prato. Stavo camminando all’indietro, finendo l’ultima striscia. Quello che non mi rendevo conto era che stavo per camminare all’indietro contro una grande trave di supporto sull’altalena dei miei figli mentre tiravo il tosaerba in funzione. Nell’istante prima che fossi tornato all’indietro nell’altalena, Padre Pio mi è saltato in testa e ha detto: “Sono proprio dietro di te”. Questo mi ha fatto mettere in pausa. Al passo successivo ho sentito il tallone andare contro il palo con cui stavo per scontrarmi. Non ho dubbi che sarei caduto, tirando il tosaerba sui miei piedi e sulla parte inferiore delle gambe. Non stavo pensando o pregando Padre Pio nel momento in cui mi è saltato in mente. Questo mi porta a credere di aver ricevuto una protezione speciale. Lodo Dio per averci dato Padre Pio. Ha aiutato quelli come me che non potevano credere, a credere! E lodo Dio e ringrazio Padre Pio per avermi salvato da questo incidente.
– Joe Fusco

“MANTIENI LA CALMA E INVOCA PADRE PIO”

Nicola La Banca, che visse a Pietrelcina, città natale di Padre Pio, era un amico d’infanzia di Padre Pio. Un giorno ebbe un terribile mal di denti. Quella notte non riuscì a prendere sonno perché il dolore era così intenso. Nicola e sua moglie Filomena avevano una foto di Padre Pio sulla loro parete. Filomena disse al marito: “Nico, stai calmo. Invoca Padre Pio e vedrai che presto ti sentirai meglio”. Le sue parole infastidirono Nicola e lui si arrabbiò. “Quindi ora devo invocare Padre Pio?” egli ha esclamato. Imprecò mentre prendeva una scarpa e la lanciava contro l’immagine di Padre Pio appesa al muro. Diversi anni dopo Filomena e Nicola fecero un viaggio da Pietrelcina al monastero di Padre PIo a San Giovanni Rotondo. Entrambi poterono confessarsi a Padre Pio. Dopo che Nicola ebbe terminato la sua confessione, Padre Pio gli disse: “Cos’altro?” Nicola ha risposto che non c’era altro da dire. “Pensa bene”, disse Padre Pio. «Ho confessato tutto», rispose Nicola. “Nico, quando mi hai tirato la scarpa in faccia a Pietrelcina, pensavi che avrei sentito il colpo a San Giovanni Rotondo?” chiese Padre Pio. All’improvviso Nicola si ricordò di quello che aveva fatto e ne fu profondamente imbarazzato. “Ma ho avuto un mal di denti molto doloroso”, ha risposto. “Sì, ma perché volevi prendertela con me?” Come molti dei suoi figli spirituali avrebbero testimoniato nel corso degli anni, nulla poteva essere nascosto a Padre Pio.

MIO PADRE ERA VICINO ALLA MORTE

Mio padre, Michael DeMaria, è molto devoto a Padre Pio. Suo padre, mio ​​nonno, si era confessato a Padre Pio alla fine degli anni Quaranta. Quando entrò nel confessionale, Padre Pio lo salutò per nome, John. Mio nonno gli chiese come facesse a sapere il suo nome e lui gli disse semplicemente che sapeva molte cose. Padre Pio disse anche a mio nonno che avrebbe avuto una vita molto bella in America e le sue parole si sono rivelate vere. Le cose sono andate molto bene per mio nonno quando si è trasferito in America. Mio padre ha avuto una caduta molto grave che gli ha causato un’emorragia al cervello. Era vicino alla morte. È stato portato in ospedale ad Akron, Ohio, e ha subito un intervento chirurgico al cervello. I medici dissero a mia madre di mettere in ordine tutti i suoi affari perché non ci si aspettava che vivesse. Quando sono andato a trovarlo nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale, i suoi reni stavano cedendo e oltre all’operazione al cervello, aveva molti altri gravi problemi di salute e complicazioni troppo numerose per essere menzionate. Ho stampato alcune testimonianze di persone gravemente ammalate che erano state guarite per intercessione di Padre Pio. Li ho attaccati al muro dell’ospedale accanto al letto di mio padre. Fu allora che mio padre mi disse che Padre Pio era venuto da lui e si era messo accanto al suo letto e aveva pregato per lui. Padre Pio gli assicurò che sarebbe andato tutto bene. Disse che Padre Pio gli parlava in inglese. Mio padre ha persino descritto la vestaglia marrone che indossava. Mio padre è stato in terapia intensiva per molte settimane e in ospedale per un totale di sei mesi. Questo è stato tre anni fa. Nel 2006 mio padre ha festeggiato il suo 81esimo compleanno. La nostra famiglia sa che senza l’intercessione di Padre Pio mio padre non sarebbe qui. Quando abbiamo visitato il santuario di Padre Pio in Pennsylvania, mio ​​padre ha avuto l’opportunità di tenere il guanto di Padre Pio. Mentre si guardava intorno nel parco del santuario, mio ​​padre disse piano: “Deve essere così che è il paradiso”.
– Denise De Maria Bowman

UN SACERDOTE RICORDA PADRE PIO

Sono un sacerdote cattolico e anni fa ho accompagnato a San Giovanni Rotondo un malato, che sperava di essere curato da Padre Pio. Sono stato felice di avere questa opportunità di vedere Padre Pio. Il malato che accompagnavo non era guarito e non sentivo alcun profumo. Inoltre, quando mi sono confessato, Padre Pio non ha sollevato alcun velo misterioso dalla mia anima. Per me fu solo un buon confessore, come tanti altri. Eppure ho visto qualcosa. Per molti giorni ho sentito Padre Pio dire Messa e per me era tutto. Ho ascoltato la Messa dal lato dell’altare e non ho perso un solo gesto o espressione. Avevo già detto migliaia di messe, ma in quei momenti mi sentivo un povero sacerdote, come mi sentivo durante la confessione. Padre Pio ha parlato davvero a Dio in ogni momento della Messa. Potrei anche dire che ha lottato con Dio, come Abramo. E Dio era presente. Così a San Giovanni Rotondo trovai un sacerdote che amava Dio veramente e intensamente, nella sofferenza e nella preghiera, fino all’agonia; un vero santo.

MIRACOLO DI PADRE PIO : HA GUIDATO LA MIA SORELLINA NELL’ALTRO MONDO

Mia sorella Bernadette, tredicenne, era paralizzata dalla nascita. Era molto brillante e molto carina. Nell’ultimo anno della sua vita soffrì di una grave malattia e di forti dolori con pochissimo sonno o riposo. Indossava sempre una reliquia di Padre Pio appuntata al panciotto. Una mattina Bernadette ci raccontò di aver dormito tutta la notte e che durante la notte al suo capezzale era apparso un bell’uomo. Ha detto che indossava un vestito lungo con una corda legata in vita e aveva la barba. Le disse che la stava portando via in una terra dove non avrebbe mai più avuto dolore o malattia. Sentendo questo, mia madre si arrabbiò molto. L’uomo le tenne la mano e lei disse che non aveva paura perché era un sant’uomo. Bernadette gli ha chiesto di lasciarla qui ancora un po’. Ha parlato del “sant’uomo” tutto il tempo. Con il passare dei giorni sapevamo tutti che aveva visto qualcuno perché sembrava così pacifica. Sei settimane dopo, il 1 giugno 1978 Bernadette morì senza dolore. Padre Pio apparve alla mia sorellina e le tolse la paura della morte e la guidò dolcemente da questo mondo all’altro.
– Elisabetta Reid

PACE DELLA MENTE

Mentre stavo scontando una breve pena detentiva, un amico mi ha inviato una novena a Padre Pio. Ho scoperto da quel giorno che mi è stata data una grande tranquillità e credo che Padre Pio mi abbia aiutato in molti modi e lo fa ancora oggi.

UN MATRIMONIO RINNOVATO

Mio marito mi trattava malissimo. Non potevo più sopportare questo maltrattamento. Ho pregato Padre Pio di aiutarmi. Non avevo dove cercare aiuto se non il Paradiso. Una sera ero già a letto e la stanza era molto silenziosa quando mio marito andò dalla sua parte del letto. Era sdraiato per circa cinque minuti quando ha improvvisamente alzato la testa e con voce scioccata mi ha detto: “Qualcuno mi ha appena sussurrato all’orecchio: ‘Ama tua moglie'”. Mio marito è cambiato dopo quell’esperienza ed è diventato molto più gentile con lui. me. Ora abbiamo tre figli e andiamo a messa insieme come una famiglia ogni domenica.

PREGA SAN MICHELE ARCANGELO

Nei primi anni ’50 mio fratello, Francis Briguori, fece un viaggio da Napoli a San Giovanni Rotondo per vedere Padre Pio. È stato in grado di fargli la sua confessione. Mentre si confessava, disse a Padre Pio che voleva arruolarsi in Marina ma non pensava che sarebbe stato accettato perché aveva un difetto cardiaco. Padre Pio lo guardò con uno sguardo molto penetrante e disse: “Tu Vai, Kapish!” che significa: “Vai, capisci!” Alla fine della confessione Padre Pio disse a mio fratello di pregare San Michele Arcangelo. Disse a mio fratello: “Anche Michael è il tuo nome”. Il nome di mio fratello è Francis Mario Michael Briguori. Fu così completamente sorpreso che Padre Pio conoscesse il suo nome che quando lasciò il confessionale disse a tutte le persone che aspettavano in sacrestia: “Non posso crederci, conosceva il mio nome!” Subito dopo, mio ​​fratello si arruolò in Marina. Il giorno in cui si è recato per la visita medica, c’erano molti altri giovani che stavano facendo anche loro le visite mediche. Quando fu chiamato il nome di mio fratello, gli fu detto: “Tu Vai” le stesse parole che gli aveva detto Padre Pio. Evidentemente sembrava così in salute che è stato salutato prima degli altri ed è stato accettato senza un esame fisico. Mio fratello ha avuto una meravigliosa carriera in Marina lavorando nel campo della comunicazione a onde corte. Ha viaggiato in molte parti diverse del mondo e non è mai stato malato né turbato da problemi al cuore. Mio fratello ha compiuto 82 anni quest’anno, 2007. Mi ha detto che finché vivrà, non potrà mai dimenticare il modo in cui Padre Pio lo guardava con quegli occhi belli e penetranti.
– Enrichetta Spinelli

LA CAMERIERA MI HA DETTO QUANTO FOSSE DURA LA SUA VITA

Una volta, mentre io e mia figlia stavamo cenando in uno dei nostri ristoranti preferiti, il Country Squire Diner a Broomall, in Pennsylvania, ho avuto una conversazione con la nostra cameriera. Mi ha detto quanto fosse dura la sua vita. Era un genitore single e aveva bisogno di un posto dove vivere lei e il suo giovane figlio. Era al limite dove viveva e aveva bisogno di aiuto in fretta. Ha lavorato molte ore al ristorante cercando di risparmiare i suoi soldi per un posto decente in cui vivere. Le chiesi se avesse mai sentito parlare di Padre Pio e lei disse di no. Ho scritto il suo nome e le ho detto di leggere di lui online e poi di pregarlo per chiedere aiuto. Circa cinque mesi dopo sono tornato al ristorante. “Oh grazie a Dio sei qui”, ho sentito dire la cameriera mentre entravo nella tavola calda. Poi mi ha abbracciato e mi ha detto: “Ho sperato che saresti tornato perché voglio condividere con te il mio miracolo di Padre Pio!”
La cameriera mi disse che dopo aver letto di Padre Pio lo pregò come le avevo suggerito. Dopo aver risparmiato abbastanza, iniziò a cercare una casetta da affittare. Sua madre ha permesso a lei e al figlio di andare a vivere con lei finché non ha trovato un posto. Ha trovato un posto che le piaceva molto, ma quando ha scoperto che l’affitto era di $ 2000,00 al mese è diventata triste. “Mi dispiace di averti disturbato”, ha detto al proprietario della casa. “Non mi ero reso conto che l’affitto fosse così costoso. Non posso permettermelo. Ho pregato così tanto Padre Pio di aiutarmi”. “Come fai a sapere di Padre Pio?” chiese il proprietario della casa. Lei ha raccontato di come le ho parlato di Padre Pio. Il proprietario le ha chiesto quanto poteva permettersi per l’affitto e lei le ha detto che $ 700,00 al mese era il suo limite. “Allora questo è il prezzo che sarà, perché ogni amico di Padre Pio è un mio amico!” le disse il proprietario.
– Patti Karlton

INVIATO UN TELEGRAMMA A PADRE PIO

Ero appena uscito dall’ospedale con un grave disturbo nervoso, ero vicino a un esaurimento nervoso. Ho lavorato in una banca vicino a casa mia dove ero corrispondente di recupero crediti per mutui insoluti. Questo lavoro in cui dovevo riscuotere denaro sui mutui insoluti da persone povere, disperate e malate ha minato la mia salute fino a quando sono stato ricoverato in ospedale per sei settimane. Quando sono tornato dall’ospedale, la mia guarigione non sembrava essere imminente. In preda alla disperazione un giorno inviai un telegramma a Padre Pio e chiesi la sua intercessione. Quella notte io e mia sorella eravamo nel suo appartamento. Mia sorella non sapendo nulla del telegramma esclamò: “Cos’è quella meravigliosa fragranza? Lo senti?” All’inizio non riuscivo a capire il significato. Poi mi venne in mente da dove proveniva questa fragranza celeste. Questo lo sapevo, che quando Padre Pio intercedeva per te, te lo faceva sapere con una fragranza. La mia guarigione non è avvenuta subito, ma da allora l’intero corso della mia vita ha cominciato a cambiare in meglio. Entro gennaio dell’anno successivo ci fu una rottura completa dal passato. Posso guardare indietro a quel periodo come a un punto di svolta nella mia vita.