Cosa succede all'anima di un animale deceduto

Cosa succede all’anima di un animale

In GLI ANIMALI HANNO UN ANIMA by Daniela Raguel

Cosa accade all’anima di un animale deceduto?

Cosa succede all'anima di un animale

Gli animali sono esseri senzienti, cioè in grado di sentire e percepire l’ambiente circostante. Hanno personalità uniche, ricordi e persino simpatie e antipatie. Ciò significa che gli animali non sono solo un’altra proprietà, ma sono creature individuali con un’anima. Ma cosa succede alla loro anima dopo la morte? Gli animali vanno in paradiso quando passano a miglior vita? E come si spiegano le diverse credenze su ciò che attende i nostri animali domestici nell’aldilà? Esistono molte risposte diverse, ma la loro ricerca può aiutare i proprietari di animali a sapere cosa aspettarsi per i loro compagni animali quando arriverà il momento. Questo articolo tratta tutto ciò che c’è da sapere sul destino dell’anima del vostro animale domestico dopo la morte. Vengono analizzati diversi sistemi di credenze, dalle civiltà antiche ai movimenti religiosi moderni come le pratiche New Age e le tradizioni orientali (come il buddismo).

Induismo: le anime degli animali vanno nel paradiso degli animali

L’Induismo ha una ricca mitologia sugli animali e sul loro posto nel nostro mondo. Molte credenze dell’antica religione riecheggiano nella cultura e nelle credenze odierne sugli animali domestici. Una credenza comune è che gli animali vadano in un paradiso animale dopo la morte. Il concetto specifico indù è “Svarga Loka”, che si traduce approssimativamente in “luogo degli esseri superiori”. Su questo piano celeste, gli animali possono vivere la loro vita in totale beatitudine e soddisfazione, senza più la lotta per la sopravvivenza che hanno nel mondo umano. Gli indù credono che questo tipo di paradiso sia riservato solo agli animali non umani, non agli uomini. Il concetto indù di “Svarga Loka” si applica in genere solo agli animali più grandi, come cavalli e mucche, e non ai comuni animali domestici. L’idea è che solo gli animali che rendono un grande servizio all’uomo ottengano questa ricompensa.

Buddismo: Gli animali rinascono come uomini o animali

Anche il buddismo, un’antica religione orientale, sostiene l’idea della rinascita dopo la morte. In questo caso, agli animali non è solo concesso l’accesso all’aldilà umano, ma sono in grado di continuare come esseri umani in un altro ciclo di rinascita. Il famoso mantra “Che tutti gli esseri siano liberi dalla sofferenza” sostiene che non solo gli esseri umani, ma tutti gli esseri senzienti sono degni di dignità e rispetto. I buddisti credono nella reincarnazione, ovvero nell’idea che l’anima di ogni persona rinasca. Si ritiene che l’anima di ogni persona si trasformi e assuma un nuovo corpo nella vita successiva, che può essere quello di un uomo, di un animale, di una pianta, ecc. Questo è uno dei motivi per cui i buddisti sono così gentili con tutte le creature viventi. Credono che ogni essere sia degno di gentilezza e rispetto, poiché potrebbe essere la madre, il padre, il fratello, la sorella o persino un amico. Questa convinzione è una delle ragioni per cui la maggior parte dei buddisti è vegana.

Shinto: Gli spiriti degli animali vanno nel paradiso shintoista

La religione shintoista è da sempre legata al rapporto tra animali ed esseri umani: i santuari e i templi sono luoghi in cui entrambi possono trovare conforto e rifugio. La religione shintoista ritiene che gli animali abbiano un’anima e siano sacri; la maggior parte dei santuari shintoisti ospita gatti che sono venerati come spiriti divini. Lo Shintoismo ritiene anche che gli animali abbiano uno spirito che vive dopo la morte. Si ritiene che questo spirito vada in un luogo chiamato “paradiso shintoista”, un luogo di pace dove animali e uomini possono vivere insieme in armonia. Questa credenza trova eco nel detto “Per lo Shinto, tutti gli animali sono divini” e nella leggenda popolare degli “Dei mangia-uomini”. In questa leggenda, un gruppo di sacerdoti è terrorizzato da un gruppo di gatti che si sono trasformati in creature enormi e feroci. I sacerdoti pregano di aiutarli e i gatti scompaiono, per poi riapparire come normali e gentili gatti di casa.

Zoroastrismo: Il destino dell’anima di un animale morto dipende dalle sue azioni in vita.

L’antica religione zoroastriana viene spesso trascurata quando si parla di credenze sulle anime degli animali. Tuttavia, questa fede ha una convinzione molto specifica riguardo al destino dell’anima di un animale morto, che si basa su come quell’animale ha vissuto la sua vita. Gli zoroastriani credono che ogni creatura vivente abbia una risposta di lotta o fuga al pericolo. Gli zoroastriani ritengono che se un animale sceglie di fuggire dal pericolo, si tratta di un’azione “bianca”, che non merita di essere giudicata. Le anime di questi animali non vengono punite o mandate all’inferno e possono passare all’altro mondo. Se invece un animale sceglie di combattere contro qualsiasi cosa lo minacci, si tratta di un’azione “nera”, che merita una punizione. Poiché queste anime hanno scelto di difendere se stesse e gli altri, vengono mandate all’inferno.

Conclusione

Questo articolo tratta tutto ciò che c’è da sapere sul destino dell’anima del vostro animale domestico dopo la morte. Vengono analizzati diversi sistemi di credenze, dalle religioni antiche come l’induismo e lo zoroastrismo ai movimenti religiosi moderni come le pratiche New Age e la filosofia buddista. Questo aiuta i proprietari di animali a sapere cosa aspettarsi per i loro compagni animali quando arriverà il momento. La prossima volta che una persona cara viene a mancare, ricordatevi di prestare attenzione a ciò che accade all’animale. Le loro azioni e il loro comportamento possono riflettere ciò che sta accadendo nell’altro regno. Potrebbero diventare meno attivi o addirittura smettere di mangiare e bere. Potrebbero sembrare alla ricerca di qualcosa o qualcuno che non c’è più. Questi sono tutti segnali che indicano che l’anima di un animale domestico amato è andata avanti e si trova ora in un nuovo luogo.