VISITE NEI SOGNI DEI NOSTRI AMATI ANIMALI DEFUNTI

VISITE NEI SOGNI DEI NOSTRI AMATI ANIMALI DEFUNTI

In GLI ANIMALI HANNO UN ANIMA by Daniela A.R. Comments

VISITE NEI SOGNI DEI NOSTRI AMATI ANIMALI DEFUNTI

Le visite dei nostri cari defunti possono anche includere i nostri adorati animali. Spesso gli animali vogliono darci sostegno, rassicurarci o semplicemente salutarci. E’ la tua guida dei sogni, insieme all’Arcangelo Ariel e al tuo sè superiore, a organizzare l’incontro tra te e il tuo amato animale in sogno: l’Arcangelo Ariel è uno dei protettori degli animali e li aiuta a transitare dall’altra parte. Così come accade con le persone, quando i tuoi animali ti fanno visita in sogno sono veramente lì con te per dirti che ti vogliono bene. Vogliono farti sapere che stanno bene e che sono felici. E vogliono che lo sia anche tu.

Nel gennaio del 2002, dopo essersi consultata con il veterinario, e Elena prese la difficile decisione di sopprimere il suo cane di dieci anni, gravemente malato. Nonostante Elena fosse consapevole che quella era la cosa giusta da fare, in seguito provò un dolore profondo. Piangeva tutto il giorno anche nel sonno.Una notte sognò di trovarsi in Paradiso, e il suo cane adorato era lì. Gli chiese di mandarle un segno a riprova del fatto che si trovasse davvero in quel luogo: voleva che questo segno fosse il vento che soffiava e, dopo un attimo, lo sentì! Era così felice di avere la certezza che il suo cane stesse bene. Il mattino seguente, quando si svegliò, fu come se qualcuno, schioccando le dita, avesse cancellato il suo dolore: era completamente svanito!

Il marito di Elena le disse di averla vista mentre piangeva nel sonno. Poi, a un tratto, si era accorto che aveva iniziato a parlare con qualcuno mentre ancora aveva gli occhi chiusi. Aveva fatto un profondo respiro, seguito da una espirazione altrettanto profonda, poi si era girata su un fianco prima di rimettersi a dormire un sonno riposante.
Qualche giorno dopo, e Elena andò a trovare sua nonna Betty in una casa di riposo. Elena si aspettava di essere rimproverata per aver sofferto così tanto per un cane, soprattutto considerato che la nonna aveva perso tre dei suoi figli quando erano ancora molto giovani, ma le raccontò comunque della strana notte di sonno che aveva avuto e dell’improvvisa guarigione da quell’intenso dolore.
Fu così che nonna Betty condivise con lei la sua esperienza di dolore e di guarigione: Alla fine degli anni venti, la figlia di due anni le era morta per ustioni dopo essere caduta nel mastello che usava per lavare il bucato. Betty aveva sofferto intensamente per alcuni mesi, finchè una notte  aveva sognato sua figlia. Nel sogno aveva visto la piccola camminare in fila con un altro gruppo di bambini; l’aveva chiamata a gran voce e lei si era accigliata dicendo: “Basta, così mi trattieni.” Quando Betty si era svegliata, il dolore era svanito.
Dopo che nonna Betty ebbe condiviso questo sogno con la nipote, entrambe ebbero la certezza di aver vissuto un’esperienza ultraterrena di guarigione dal dolore.

Patrizia perse la sua adorata cagnolina di dieci anni, Brazen, in seguito a una malattia aggressiva e dal decorso rapido. Nel giro di quattro giorni dovette prendere la straziante decisione di farla sopprimere: fu il momento più difficile e stressante della sua vita, perché Brazen e era la sua anima gemella e la sua più grande maestra. All’epoca della sua morte pesava 66 chili e 600 g: in seguito, ogni volta che Patrizia vedeva il numero sei, pensava alla sua perdita.

L’ultimo giorno dell’anno, sebbene stesse soffrendo, Patrizia uscì a cena con il marito. Lasciando il cappotto al guardaroba del ristorante, notò che sul bigliettino che le avevano dato era riportato il numero 66. Capii che quello era il modo che Brazen aveva usato per far sapere che era lì con lei e il marito a festeggiare. Non ci volle molto perché Patrizia capisse che Brazen era diventata il suo spirito guida. Brazen le apparve poi in sogno per mandare i suoi messaggi. Una notte Patrizia sognò di incontrare il suo cane in un paesaggio colorato dove correva liberamente con altre splendide creature: la terra era vibrante di vita e d’amore. Un’altra volta sognò che il cane le mostrava uno spazio fra il finito e l’infinito. Durante queste visite in sogno, Patrizia viene pervasa da uno stato di consapevolezza e conoscenza: sente moltissimo la mancanza fisica del suo cane eppure, anche se dall’aldilà, Brazen continua a essere la sua più grande maestra.

Doreen Virtue –  Visioni di Angeli

✎ Se ti piace questa pagina condividila ♥ Grazie ♥
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Previous PostNext Post