La mia gatta defunta è tornata

La mia gatta è tornata

In GLI ANIMALI HANNO UN ANIMA by Daniela A.R. Comments

 storia: La mia gatta è tornata

Nella mia vita ho avuto diversi gatti ma solo uno aveva una sorta di collegamento psichico con me.
Era una micia che sapeva sempre quando rientravo a casa, dal lavoro o da altri posti, per quanto non avessi mai un orario fisso; quando non c’ero si agitava. Avevamo sviluppato un legame molto profondo, da cui ricavavo conforto e allegria; i miei gatti mi avevano aiutato molto quando mi ero separata da mio marito dopo vent’anni di matrimonio.

Otto anni fa un’amica mi regalò due gattini, un fratello e una sorella provenienti dalla stessa cucciolata. Erano entrambi adorabili e li chiamai Tiger Lilli e Freddi. Tiger Lilli era una gatta soriana striata come una tigre e noi due diventammo inseparabili. Mi ha fatto compagnia per sette anni e, quando dall’Australia mi sono trasferita in Nuova Zelanda, mi sono portata dietro tutti e due.

Due mesi dopo essere arrivata in Nuova Zelanda, la femmina si è ammalata improvvisamente ed è morta, nonostante tutte le cure dei veterinari. Non ho mai provato un dolore più forte. Ancora oggi, a distanza di 10 mesi, piango la sua scomparsa.

Da quando è morta mi è apparsa varie volte in sogno per farmi compagnia. Piu volte mi sono svegliata con l’impressione che fosse stata ai miei piedi, ma quando ho guardato non c’era. Ho sentito anche il materasso abbassarsi, come se ci fosse saltata sopra, proprio come faceva quand’era ora di coricarci.

Penso voglia rassicurarmi che sta bene e ha semplicemente assunto una forma diversa. Posso ancora contare sull’affetto di Freddi, il soriano grigio, che sente molto la mancanza di Tiger Lilli perché loro due erano inseparabili fin dalla nascita. La perdita di Tiger Lilli ha rafforzato il nostro legame, proprio come avrebbe voluto lei.

NOTA: Per leggere di più sugli Angeli :In alto a sinistra sotto CATEGORIE cliccare sulla voce “GLI ANIMALI HANNO UN ANIMA”

✎ Se ti piace questa pagina condividila ♥ Grazie ♥
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Previous PostNext Post