angeli custodi

COME SI MANIFESTANO GLI ANGELI – risponde l’Angelo Ariel

In L'ANGELO ARIEL by Daniela A.R. Comments

COME SI MANIFESTANO GLI ANGELI – risponde l’Angelo Ariel

L’autrice del libro  con l’aiuto di una guida spirituale, è entrata in contatto con L’Angelo Ariel, e ha riportato il suo messaggio! ecco come si manifestano gli Angeli

LINDA:  A coloro che non hanno una consapevolezza sensoriale diretta della vostra presenza, potresti spiegare come possono capire quando cercate di comunicare con noi?

ARIEL: Molte esperienze umane sono causate dalla comunicazione Angelica. La prima è l’intuizione: una decisione semplice presa senza ragione specifica e senza molta logica, spesso una scelta rapida e casuale, che si rivela cruciale nella vita.
Esempi di tali connessioni possono essere molto semplici, come decidere improvvisamente, e senza una ragione particolare, di fare un’altra strada per arrivare a una determinata destinazione, per poi scoprire più tardi che la strada originale era ingorgata dal traffico.

Operando tale scelta, apparentemente casuale, risparmiate tempo e sforzi. Oppure pensare improvvisamente a una persona e decidere di chiamarla, per scoprire che la vostra chiamata è stata particolarmente importante. Nel caso di una telefonata d’affari, per esempio, chiamate proprio al momento esatto, e l’affare che desideravate concludere va in porto. O ancora, telefonate a un amico che aveva disperato bisogno di sentirvi e in tal modo lo aiutate.

Queste connessioni, apparentemente spontanee, sono tutte in sostanza forme di comunicazione nelle quali abbiamo infuso un’idea, un pensiero o un’immagine per una mente che non è pronta a ricevere messaggi più complessi da questo regno.

In tale qualità non vengono recepite come qualcosa di straordinario, nè subito nè in un tempo successivo poichè l’ego tenta di negare l’importanza di tali eventi o comunicazioni fortuiti.

La seconda categoria in cui rientrano le nostre comunicazioni è la percezione.

Talvolta utilizziamo la forma che voi chiamate stato onirico. Mentre dormite, nascono nella vostra mente figure complete, talvolta molto letterali e talaltra metaforiche, che vi indicano la direzione da prendere, soluzioni preziose a problemi o intuizioni e strategie per uscire da situazioni apparentemente impossibili. Tale stato meraviglioso, che voi chiamate sogno, costituisce un’opportunità adatta per comunicazioni, intuizioni, e noi lo utilizziamo per guidare, indirizzare e offrire informazioni alle menti pronte ad accettarle.

In tali casi sorgono però spesso difficoltà. Infatti, una volta che l’informazione viene riportata a un normale stato di coscienza dell’ego, l’individuo deve essere in grado di comprendere tale informazione, talvolta metaforica, prima di utilizzarla. Ciò va al di là della nostra capacità di influenza.

Un terzo modo mediante il quale tentiamo amorevolmente di guidare e aprire la coscienza di una persona alla nostre informazioni è la rivelazione. Solitamente tale metodo viene utilizzato nei momenti in cui una persona è molta scoraggiata, spaventata da una scelta o decisione imminente, oppure bloccata in un processo mentale.

In tali casi la mente normale è debole. Gli stati mentali di scoraggiamento, paura e impotenza, mettono in ginocchio l’ego, e quando il suo controllo sulla mente risulta indebolito, la nostra abilità di comunicazione con voi aumenta notevolmente. In tali momenti potreste improvvisamente avere un lampo di consapevolezza nel quale vedete l’elemento mancante, un’intera strategia oppure la soluzione dettagliata di un problema.

Talora, in quei momenti, alla mente non può essere trasmessa la soluzione, ma solo un collegamento o un elemento chiave. Per esempio, facciamo sì che la persona pensi improvvisamente a un collega o a un amico che potrebbe esserle d’aiuto e che, guarda caso, ha la soluzione che abbiamo tentato di fornire. Oppure può balzare in mente un libro, possibile fonte della soluzione, e quando esso viene aperto, si trova la risposta verso la quale abbiamo cercato di indirizzarvi.

Per coloro che hanno una coscienza più aperta, abbiamo un quarto modo di guidare: mediante immagini e parole, come stiamo facendo ora. In tali casi, quando viene ricercata una guida, quando viene richiesta comprensione, l’informazione può essere trasmessa, non per aiutare nel contesto specifico, ma anche per fornire un insegnamento più generale. A ogni opportunità tentiamo di non risolvere semplicemente i problemi o di rendere la vita più facile durante il viaggio umano, ma di guidare e di indirizzare, in modo che la vostra anima possa procedere nella sua crescita il più efficacemente possibile.

Talvolta, vediamo dove un’informazione specifica risparmierebbe un tremendo sforzo a una persona impedendo però, nel contempo, la crescita spirituale necessaria.

In tali casi, l’informazione non viene fornita, ma ciò non implica che l’individuo sia costretto a lottare o soffrire.

Lo scopo di quest’esperienza meravigliosa e preziosa che è essere uomini è evolversi e crescere, imparare chi siete , non solo chi vi ritenete di essere, chi siete ai livelli spiritualmente più alti , e sviluppare la vostra relazione personale con il mondo dal quale parliamo.

(Steven J. Thayer, Linda Sue Nathanson)

 

✎ Se ti piace questa pagina condividila ♥ Grazie ♥
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
Previous PostNext Post